Supported by
Paracard 2015
 
Photogallery
 

Il peso, la vela giusta!!

Oggi mi prefiggo l’obiettivo di far luce sul rapporto peso surfista e misura della vela! L’argomento è uno di quelli che scottano; i più leggeri, infatti, scherniscono i più pesanti, quando, con vento leggero ed a parità di vela, loro riescono a planare e gli altri no! Lo attribuiscono alla loro sensibilità, alle loro capacità planatorie! I pesanti si infuriano e cercano di spiegargli che il peso è fondamentale ed è la vera causa della differenza, ma senza successo! Lanciano quindi sfide proponendo ai leggeri di zavorrarsi così da parificare i pesi, ma queste, guarda a caso, non sono mai stata accettate (e da qui si può capire che un piccolo dubbio sull’importanza del peso pernei anche la categoria dei leggeri!).

 

Si, è chiaro, io mi metto fra i pesanti e supporto la loro causa, ma in questo articolo, sarò imparziale, trattando il problema dal punto di vista matematico!

Cerchiamo, quindi, un'espressione matematica che riesca a rappresentare correttamente la situazione: studi empirici portano alla seguente espressione

 

  peso1.gif


 

 

 

Andiamo a creare una tabella per verificare la corrispondenza di questa legge matematica con la realtà. Prendiamo un surfista di 70 Kg e vediamo quale vela dovrebbe adottare secondo la legge matematica al variare della velocità del vento.

 

Wind

Sail Size

kts

m/s

m2

10

5

9,4

12

6

7,8

14

7

6,7

16

8

5,9

18

9

5,2

20

10

4,7

22

11

4,3

24

12

3,9

26

13

3,6

28

14

3,4

30

15

3,1

32

16

2,9

 

Analizziamo i dati nel range di vento e vele a noi più familiare: con 16 nodi il nostro surfista campione si troverebbe a suo agio con la 5,9, mentre con 20 la 4,7 e con 23 la 4,2! I risultati sono molto vicini alla realtà, per cui possiamo considerare la formula corretta.

 

Andiamo, adesso, a calcolare con la medesima formula, la vela ideale per 2 surfisti, uno di 70 ed uno di 80 Kg e disegniamo il grafico relativo!

 

 

Wind

Sail Size 80 Kg

Sail Size 70 Kg

kts

m/s

m2

m2

10

5

10,7

9,4

12

6

8,9

7,8

14

7

7,7

6,7

16

8

6,7

5,9

18

9

6,0

5,2

20

10

5,4

4,7

22

11

4,9

4,3

24

12

4,5

3,9

26

13

4,1

3,6

28

14

3,8

3,4

30

15

3,6

3,1

32

16

3,4

2,9

 

peso2.gif

 

Come possiamo facilmente vedere, con vento leggero, la differenza di vela fra i 2 surfisti è superiore al metro, mentre all'aumentare dell'intensità si riduce sempre più!

Se ci soffermiamo sull'intensità di 16-18 nodi (caratteristica dell'Ora), vediamo che quando il surfista di 70 chili plana con la 5.3-5,8, il suo antagonista di 80 dovrebbe utilizzarne una dalla 6 alla 6,7! Questa differenza si assotilia col Peler, dove scende a circa mezzo metro. E' facile capire che all'incremento di differenza di peso degli atleti, segue un aumento della differenza delle loro vele!

Da questo e dall'analisi dalle vele che normalmente utilizziamo, sembrerebbe quindi, che le abilità planatorie sono possedute maggiormente dai surfisti pesanti che dai leggeri, visto che la differenza di vela usata non è mai così elevata come il modello matematico suggerirebbe! Non è però mia intenzione affrontare questa discussione, anche perché qui non sono stati presi in considerazione fattori molto importanti come tavola, tipo di tavola, tipo di vela....

Sperando di aver fatto un po' di luce su questa piccante diatriba, vi do appuntamento al prossimo articolo!!

l'Ingegnoso Ingegnere